Twitter: i consigli per avere successo

Twitter è da sempre una piattaforma dal colpo di fulmine difficile.. tuttavia è un sistema in crescita esponenziale e dalle infinite opportunità.
Vediamo dei consigli per sfruttare Twitter al massimo.

 

Twitter: social network e microblogging

Twitter: social network e microblogging

Cos’è Twitter? E’ un social network ed il più noto sistema di microblogging. Gli utenti iscritti possiedono una pagina profilo che possono personalizzare e popolare attraverso post aventi una lunghezza massima di 140 caratteri, i quali possono essere arricchiti da una immagine e link.

Twitter nasce nel 2007 dal genio di Evan Williams, Biz Stone e Jack Dorsey, e deve il suo nome al verbo “to tweet“, che significa “cinguettere“; il tweet (italianizzato in “cinguettio“), in gergo, identifica ogni singolo mini-post degli utenti.

 

In breve, i passi da gigante di Twitter.

  • Nel 2007, diventando il sistema di comunicazione interno di un importante festival cinematografico di Austin (Texas), il sistema ha triplicato i tweet giornalieri e si è fatto conoscere al mondo.
  • Nel 2010 l’astronauta Timothy Creamer inviò il primo tweet dallo spazio. Molti altri astronauti seguirono il suo esempio, tra cui anche l’italiano Paolo Nespoli, il quale divenne uno dei protagonisti dei video celebrativo descritto nel punto successivo.
  • Nel 2011 Twitter festeggia i cinque anni con un video ricco di personaggi importanti.

  • Nel 2012 ha diffuso importanti notizie anticipando notevolmente i canali di informazione tradizionali. Oggi si tratta di una consuetudine.
  • Nel 2013, il responsabile tecnico della piattaforma dichiara un nuovo record di frequenza di tweet: 143.199 tweet al secondo.

Come anticipato dall’introduzione, ho notato che molte persone (anche utenti web esperti) sembrano non apprezzare le potenzialità di questo strumento, che, a mio avviso,  è estremamente efficace in termini di comunicazione online. Proprio per questo motivo ho deciso di scrivere un articolo con l’obiettivo di fornire dei consigli pratici sull’utilizzo di Twitter.

 

La terminologia e le logiche di funzionamento

Ogni utente è caratterizzato principalmente da:

Twitter: le basi

Twitter: le basi

  • Followers: le persone che lo seguono, ovvero coloro che hanno deciso di essere aggiornati sui suoi post.
  • Following: gli utenti che segue.
  • Tweets: lo streaming dei suoi post.

Sulla pagina del profilo, inoltre, sono disponibili anche altri elementi meno centrali come i media (la raccolta delle immagini e dei video caricati) e le liste (una sorta di gestione di gruppi di utenti).

Ogni volta che un utente scrive un tweet, il post comparirà nella homepage di tutti i suoi followers. Questo significa che maggiore sarà il numero di utenti che ci seguono e più la nostra comunicazione sarà forte.

I tweet sono caratterizzati da alcuni caratteri speciali che è bene conoscere, in quanto determinano la “socialità” del sistema.

  • Menzione – Utilizzando il carattere @ seguito dall’username di un utente presente su Twitter si otterrà una citazione. Un esempio: un tweet contenente il testo @alepom, io penso che…” intende citare l’utente alepom rivolgendosi a lui direttamente. Il caso tipico è la risposta ad un tweet, la quale conterrà automaticamente la menzione dell’utente che lo ha creato.
  • Hashtag – Utilizzando il carattere # seguito da una parola chiave di nostro interesse, otterremo un hashtag. In questo modo contrassegneremo il nostro tweet con quella parola chiave e tutti coloro che la cercheranno troveranno anche il nostro post. Gli hashtag presenti in un tweet diventano link a degli stream di post aggregati per parola chiave. Alcuni esempi: #seo #wordpress
Twitter: menzione e hashtag

Twitter: menzione e hashtag

 

Alcuni importanti suggerimenti per avere successo su Twitter

Ogni community ha le proprie caratteristiche ed il proprio “codice comportamentale“. Vediamo alcuni consigli per sfruttare al massimo Twitter.

 

Twitter: consigli sull'account

Twitter: consigli sull’account

L’importanza di configurare bene l’account

Come dice il detto, “l’abito non fa il monaco“, ma sappiamo benissimo quanto conta la prima impressione per chi ci incontra la prima volta. Proprio per questo motivo, la prima cosa da fare per partire con il piede giusto è curare la pagina “Account” in modo da renderla originale, personalizzata ed accattivante.
I tre elementi chiave per ottenere l’obiettivo prefissato sono:

  1. Presentazione – E’ importante sfruttare al massimo i campi di testo che vengono proposti per presentarci agli altri utenti: “biografia“, “posizione” e “sito web“. Il mio consiglio è quello di essere concisi ed efficaci. Non dimentichiamo, inoltre, che anche in questo contesto possiamo utilizzare hashtag e citazioni: tale accorgimento, permetterà di aumentare da subito la visibilità del profilo.
  2. Avatar – Cerchiamo di usare una immagine per il profilo che sia personale e d’impatto. Ricordiamoci che l’avatar verrà visualizzato anche a dimensioni ridotte all’interno degli stream dei tweet; questo significa che dovrà essere facilmente riconoscibile anche in quella sede.
  3. Testata – E’ uno degli elementi del nuovo layout grafico di Twitter, che permette una forte personalizzazione del profilo. La scelta dell’immagine è importante e valgono i consigli per la scelta dell’avatar. Si potrebbe anche pensare alla testata come estensione dell’immagine del profilo stessa. Secondo le direttive di Twittter, l’immagine non deve superare i 5MB e le dimensioni consigliate sono 1252 x 626 px.

 

Twelcome“: diamo il benvenuto ai nuovi followers

Twitter: il benvenuto ai follower

Twitter: il benvenuto ai follower

Ritengo un’ottima pratica, peraltro molto diffusa, quella di scrivere ai nuovi follower per ringraziarli della fiducia. E’ possibile farlo pubblicamente, mediante un tweet con la citazione al nuovo follower (@alepom), oppure privatamente, attraverso un messaggio (in gergo, DM – Direct Message).

Se il numero di followers lo consente, consiglio di inviare personalmente il messaggio.
Al contrario, esistono delle applicazioni che permettono l’invio automatizzato di questo tipo di comunicazioni. Consiglio di utilizzare JustUnfollow: semplice da configurare e molto efficace.

Il messaggio può essere anche una opportunità per far conoscere ai nuovi “seguaci” il nostro sito web o il nostro account (o pagina/gruppo) all’interno di un altro social network.

[Tweet “#twitter: diamo il benvenuto ai nostri followers!”]

 

Le regole d’oro del tweet: la magia dei 140 caratteri

Twitter: come creare tweet vincenti

Twitter: come creare tweet vincenti

La prima regola è la seguente: eliminiamo dalla nostra mente la convinzione che 140 caratteri sono limitanti. Non lo sono, anzi, sono la forza del sistema.
Scopriamo, attraverso delle semplici regole, come creare dei tweet vincenti.

  • Evitare gli “aggiornamenti di stato. Su Twitter, al contrario di altri social network, non interessa a nessuno cosa stiamo facendo in ogni momento della giornata.
  • Essere concisi. Sembra un paradosso, ma gli utenti di Twitter amano la sintesi, anche più spinta dei 140 caratteri a disposizione. Questo favorirà anche il ReTweet da parte dei followers perché avranno maggior libertà di integrazione. Il ReTweet è l’azione attraverso la quale un utente ripropone un tweet ai propri followers.
  • Tempo reale. Twitter è un social network in cui viene premiato il tempismo. Non è utile pubblicare delle notizie vecchie.
  • Arricchire i tweet. Un tweet corredato da una immagine o da un video e da un link di approfondimento sarà, di certo, più apprezzato dagli utenti. Per inserire i link, consiglio di  utilizzare il supporto di Google URL Shortener: il servizio che Google mette a disposizione per abbreviare gli URL. Ma non solo.. ogni link gestito dal sistema è affiancato da un buon sistema di statistiche.
  • Non abusare di hashtag. Se un tweet è troppo ricco di hashtag e di citazioni (rispettivamente # e @) non sarà scorrevole alla lettura e può essere interpretato come spam dai lettori. Trovare il giusto compromesso è la soluzione migliore.
  • Arricchire i ReTweet. Se troviamo dei tweet che possono essere interessanti per i nostri followers, è bene aggiungere qualcosa di nostro nell’atto di re-twittarli, ad esempio una opinione. E’ importante offrire ai followers il nostro valore aggiunto, il quale giustifica la loro fiducia nei nostri confronti.
  • Call to action. La presenza di questo elemento è determinante per portare i lettori all’approfondimento del tweet sul nostro sito web.
  • Enfatizzare alcune parole. Nella simbologia dei tweet, se una parola viene inserita tra parentesi quadre acquisisce [enfasi]. Consiglio di farlo per le parole che sono meno importanti degli hashtag, ma che comunque riteniamo da evidenziare.

[Tweet “Le regole d’oro per il #tweet perfetto? Scopriamole insieme con una #infografica”]

 

Le regole d'oro del tweet

Le regole d’oro del tweet

 

I migliori momenti per i nostri cinguettii

Twitter: quando twittare?

Twitter: quando twittare?

Immaginate di pubblicare i vostri tweet quando la maggior parte dei follower è online.. un sogno!
Non proprio un sogno.. esiste un metodo per avere questo genere di dati. L’applicazione Tweriod, infatti, analizza gli utenti fornendo un report completo  dell’andamento dei followers online rispetto alle ore delle giornate.

E’ chiaro che un tweet postato mentre tutti i potenziali lettori sono “attenti“, sarà molto più efficace. Per fare un’analogia, è come poter scegliere se mandare una pubblicità in televisione durante la finale dei campionati mondiali di calcio oppure alle 5.30 del mattino di un qualunque lunedì mattina.

L’applicazione Tweriod, una volta associata all’account di Twitter, impiegherà del tempo (proporzionale al numero di followers , ma al massimo un paio d’ore) per effettuare l’analisi; una volta ultimata, una mail indicherà l’URL dove potremo consultare il report prodotto.

Un esempio per capire l’importanza dello strumento. Immaginiamo che un’azienda debba lanciare un nuovo prodotto e che utilizzi anche Twitter come canale di promozione, attraverso dei tweet contenenti il link alla pagina web relativa. Se si conoscono i migliori orari per “cinguettare” il CTR (Click Through Rate) sarà di certo superiore, aumentando le potenzialità di vendita del nuovo prodotto.

[Tweet “#twitter: qual è il miglior momento per twittare?”]

 

Verifichiamo il nostro “impatto sociale”

Twitter: verifichiamo l'impatto sociale

Twitter: verifichiamo l’impatto sociale

Con questo punto estendiamo l’analisi ad un livello lievemente più generico rispetto al topic. klout, è una famosa applicazione utilizzata per capire quanto siamo influenti sui nostri contatti all’interno dei social network ai quali lo colleghiamo.
Come funziona? E’ sufficiente accedere con le credenziali di Twitter o di Facebook e collegare i social network che desideriamo monitorare dalla pagina “Settings” (sezione “Networks“). L’applicazione assegnerà subito un punteggio da 1 a 100 che indica l’indice di influenza sui “nostri” utenti.
Per avere un termine di confronto:

  • la media di punteggio è di circa 41;
  • sopra i 50 punti possiamo definirci degli ottimi copywriters;
  • tra i 60 e i 70 punti troviamo gli utenti più attivi e seguiti.

Come viene attribuito il punteggio? La risposta di Joe Fernandez, CEO di Klout:

Ci sono centinaia di diverse azioni su 15 diversi social media che partecipano a creare il Klout: il retweet, il like e il reply su Twitter, Like, Share e Commenti su Facebook e così via. Ogni social network ha un diverso algoritmo di valutazione e i singoli risultati vengono processati tutti insieme da un altro algoritmo.

Monitorando il nostro “score” periodicamente, possiamo quindi capire con semplicità come varia il nostro grado di influenza.

[Tweet “#twitter: come monitorare l’impatto social(e)”]

 

Usiamo Twitter come notiziario aziendale

Twitter: usare lo stream

Twitter: usare lo stream

L’utilizzo dello stream di Twitter come notizie flash aziendali è una pratica molto efficace, diffusa e d’effetto. Il plus di questo tipo di approccio è sicuramente il grado di interattività che si riesce a raggiungere, rispetto ad una banale lista di notizie.
Lo stream può essere linkato dal sito aziendale, oppure inglobato in una pagina web o in un box di una sidebar (nella sidebar di questo sito, potete vederne un esempio).

Come generare il widget?
Vediamolo in qualche semplice passo:

  • entriamo nella sezione “impostazioni” del nostro account di Twitter;
  • selezioniamo la voce “widget” dal menù;
  • clicchiamo su “crea nuovo“;
  • una volta personalizzati i dati a disposizione, è possibile copiare ed incollare il codice generato nell’HTML  del nostro sito web.

[Tweet “Come utilizzare lo stream di #twitter come notiziario aziendale. Scopriamolo insieme!”]

 

Interagiamo sui temi in cui siamo competenti

Twitter: salvare le ricerche

Twitter: salvare le ricerche

Può sembrare un concetto scontato e banale, ma vediamo come metterlo in pratica.
Il mio consiglio è quello di utilizzare la funzione di salvataggio delle ricerche. Quando su Twitter effettuiamo delle ricerche di hashtag, ad esempio #seo o #wordpress, esiste la possibilità di salvare la ricerca.

A cosa serve questa funzionalità?
Per rimanere “sintonizzati” sui temi di nostro interesse e quindi sui temi in cui siamo competenti e possiamo dire la nostra.
Il fatto di essere in ascolto sul nostro “canale preferito” ci permette di instaurare delle relazioni rispondendo ai tweet degli altri utenti, scrivendo tweet con l’hashtag di riferimento, re-twittando i post più interessanti.

Una piccola dritta per ottimizzare la ricerca: se desiderate limitare i risultati alla lingua italiana, è possibile aggiungere semplicemente “lang:it” sul campo di ricerca. Un esempio per cercare i tweet relativi a Medium:

lang:it #medium

Questo “movimento” di informazioni, ci porterà ad avere nuovi followers e ad aumentare la nostra popolarità.

[Tweet “#twitter: rimani sintonizzato sulle tue passioni!”]

 

Conclusioni

Relativamente alla personalizzazione dell’account, vorrei aggiungere un consiglio che è valido per Twitter, ma comprende l’intera sfera della nostra “web image“. Per ottenere una comunicazione efficace, è importante mantenere una forte coerenza di immagine per tutti i profili dei social network e i siti web che possediamo.

Ritengo Twitter un potentissimo mezzo di comunicazione, anzi, direi che è un sinonimo di comunicazione via web.
I personaggi pubblici (politici, sportivi, star dello spettacolo e della musica), ormai, utilizzano Twitter come canale ufficiale per le dichiarazioni.
Le aziende più importanti, utilizzano lo stream di Twitter per comunicare ed interagire con i loro clienti.

Se non l’avete ancora fatto, consiglio di iniziare a considerare Twitter come strumento di comunicazione.

Come ultima nota, vorrei ribadire un concetto determinante che vale in ogni ambito della comunicazione e che non mi stancherò mai di ripetere. Ricordiamoci che per avere successo, è importante produrre contenuti di qualità. Content is King.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.