Blog aziendale: come possiamo renderlo efficace?

Articolo aggiornato il 21 dicembre 2017

Il blog aziendale è una grande opportunità di interazione con i clienti ed i prospect.

Spesso ho l’impressione che le aziende considerino il blog aziendale come la “moda del momento”, ma io credo possa essere una grande opportunità di interazione con i clienti e con i “prospect”.

 

 

Perché è importante il blog aziendale?

In uno scenario di web marketing,  in cui il ruolo di protagonista è interpretato dai social network e dalle piattaforme di micro-blogging, esiste ancora spazio per il blog aziendale?

Blog aziendale, per l'interazione con i potenziali clienti

Blog aziendale, per l’interazione con i potenziali clienti

Non solo la risposta è SI, ma possiamo dire che il blog aziendale rappresenta il miglior  “ambiente” di cui le aziende dispongono per familiarizzare con il “mondo social, e per creare una interazione efficace con i clienti ed i “prospect“.

Questo post vuole essere una raccolta di spunti, anche perché ogni punto che verrà affrontato potrebbe essere esteso ad un intero articolo ad esso dedicato, ed è dedicato a tutti coloro che hanno intenzione di far nascere un “business blog“, ma anche a chi ne gestisce già uno.

 

L’importanza della strategia

Un blog aziendale deve essere parte di una strategia: se fosse un “elemento” isolato, immerso nel “mare magnum” del web avrebbe poco senso, ma soprattutto sarebbe poco efficace.
Per strategia si intende il piano di marketing dell’azienda, o comunque, semplificando, il target di clienti e/o di prospect che si desidera raggiungere.

ll blog aziendale dev'essere parte di una strategia

ll blog aziendale dev’essere parte di una strategia

Il blog, ad esempio, potrebbe essere uno strumento rilevante in fase di costruzione di un brand (“brand building“), per aumentare le vendite, per facilitare la comunicazione con i dipendenti, i clienti, i potenziali clienti o i fornitori.

Creare un blog senza obiettivi, o con l’unico scopo di generare traffico, difficilmente rappresenterà un’attività duratura: è un po’ come “correre con foga senza meta“.

 

La politica editoriale nel blog aziendale

Una volta definito l’obiettivo del blog, va individuata la tipologia dei post che verranno pubblicati. Se, ad esempio, si dispone di comunicati stampa periodici pubblicati sul sito web, è inutile riproporli sul blog (anzi, potrebbe essere dannoso a causa della probabile duplicazione dei contenuti), a meno che non si desideri commentarli o integrarli fornendo maggiori informazioni agli utenti.

Blog aziendale: la politica editoriale

Blog aziendale: la politica editoriale

 

E’ necessario decidere se utilizzare il blog per informare gli utenti relativamente alle attività dei dipendenti ed ai processi interni dell’azienda. Solitamente, questo tipo di post fa parte delle buone pratiche” del blog aziendale, ma è fondamentale non perdere di vista il target di riferimento: le notizie sull’azienda che postiamo sono di interesse per il target?

 

Il tipo di linguaggio da utilizzare nel blog

Tutti i blog, ma soprattutto i blog aziendali, dovrebbero porsi verso gli utenti utilizzando il linguaggio con il quale si esprime abitualmente il target di riferimento.

Spesso si commette l’errore di collegare al blog l’idea della scrittura informale, ma non può diventare una regola: come cambiamo il modo di esprimerci in base alla persona che ci sta ascoltando, allo stesso modo il linguaggio del blog deve seguire l’audience.

Blog aziendale: obiettivo comunicazione

Blog aziendale: obiettivo comunicazione

 

Se, ad esempio, il blog si rivolge ad un’audience di ingegneri proponendo argomenti tecnici complessi, per supportare la qualità dei contenuti e scaturire fiducia nei lettori, è consigliabile un linguaggio formale, avente un adeguato livello tecnico.

 

Come creare contenuti interessanti

Gestire un blog non va considerato come un esercizio di creazione contenuti da “dare in pasto” ai lettori. Ogni post deve essere interessante, informativo e pertinente per il pubblico.

Blog aziendale: i contenuti devono essere interessanti

Blog aziendale: creare contenuti interessanti

E’ utile pensare al blog dal lato del target al quale è indirizzato.

..se facessi parte del target, sarebbe un post interessante per me?

Se l’obiettivo del blog è quello di trovare potenziali clienti, consiglio di creare articoli specifici per il settore e di intervistarne i leader più affermati.

Infine, una volta che gli utenti sono entrati nel blog, facciamo in modo che ritornino e che rimangano in contatto, invitandoli, ad esempio, ad iscriversi al feed.

 

L’utilizzo delle parole chiave nel blog aziendale

La scelta delle keywords è una delle attività che possono garantire i migliori risultati. Cerchiamo di inserire sui “title” e sulle “description” dei post (senza forzare) delle parole chiave interessanti per le ricerche dei nostri utenti.

Blog aziendale: la scelta delle keywords

Blog aziendale: la scelta delle keywords

Gli algoritmi di ranking dei motori di ricerca sono in continua evoluzione, ma un aspetto non potrà mai cambiare:

se scriviamo contenuti di qualità ed applichiamo dei semplici accorgimenti tecnici, verremo sempre premiati.

Per approfondire questo concetto, consiglio di leggere il post “Come scegliere le keywords per il posizionamento“.

 

I post vanno schedulati regolarmente

La regolarità nella pubblicazione è uno degli aspetti da considerare con più attenzione: il mantenimento di un blog di successo richiede disciplina e tempo. Tuttavia, una volta trovato il metodo giusto, tale attività non sembrerà più così pesante.

Blog aziendale: è importante postare con regolarità

Blog aziendale: è importante postare con regolarità

Un semplice esempio di “metodo di lavoro” consiste semplicemente nell’avere sempre un post (o più post) “in panchina“. Questo semplice accorgimento permette di “salvarci” nel caso in cui un imprevisto provi a non consentirci di postare.

Non crediamo nell’efficacia del pubblicare articoli con frequenza regolare? Proviamo a farlo per alcuni mesi e teniamo sotto controllo la velocità con la quale i motori di ricerca indicizzano le nostre pagine:  saranno i numeri a dimostrarne l’importanza.

 

Chi scrive i post del blog aziendale

Una delle motivazioni per le quali il blog aziendale è importante è quella di creare un riferimento (un volto umano) per i clienti all’interno dell’azienda. Se il blog è scritto da una sola persona, quindi, potrebbe avere una immagine che la raffigura in testata o nella parte alta della sidebar principale.

Se, invece, il blog è curato da più persone, consiglierei di utilizzare la gestione degli utenti editori della piattaforma, in modo che alla fine di ogni post compaia l’immagine dell’autore.

Il mio consiglio, comunque, è quello di trovare un’organizzazione interna che permetta a più persone di scrivere i post. Questo, collegandoci brevemente ai concetti di SEO, garantisce la stesura di articoli caratterizzati da strutture semantiche diverse, e permette di raccogliere più possibilità di pertinenza rispetto alle query degli utenti sui motori di ricerca.

 

L’integrazione del blog

Se il blog non fa parte del medesimo engine sul quale è costruito il sito web istituzionale (ad esempio tutto realizzato con WordPress, con la pagina che contiene i post che diventa la sezione blog), è importante che sia ben integrato con quest’ultimo. Non solo con un link o un bottone ben visibile in homepage, ma anche come architettura grafica.

Blog aziendale e l'integrazione con il sito web

Blog aziendale e l’integrazione con il sito web

La soluzione più interessate (e attualmente largamente utilizzata) è rappresentata dal widget contenente uno slideshow degli ultimi post del blog in homepage. A questo proposito, nel caso in cui il blog fosse “esterno” al sito web e realizzato in WordPress, consiglio l’integrazione attraverso le API REST WordPress (per approfondire i concetti, suggerisco la lettura del post “Come usare WordPress per gestire la tua APP (e non solo)“).

Se nessuno arriva a leggere il blog tutta la nostra strategia va… fuori dalla finestra!

Se non fosse possibile inserire un link in homepage, è un palliativo è rappresentato dall’integrazione del blog in una delle sezioni strettamente legate all’azienda, come la classica pagina “chi siamo“.

 

L’impegno con i lettori

Visto che uno degli obiettivi di ogni blog aziendale è quello di entrare in contatto con i clienti (anche potenziali), è necessario impegnarsi per farlo realmente. Ogni commento lasciato da un lettore (non solo attraverso l’area apposita sulla pagina del post, ma anche sui social network), di qualunque natura esso sia, merita la nostra attenzione e la nostra risposta.

Anche un commento negativo, se ben gestito, può diventare un punto di forza!

La gestione dei commenti fa davvero la differenza, ed alimenta il “passaparola” (recensioni positive).

 

La diffusione dei contenuti del blog aziendale

L’utilizzo dei social network, e soprattutto dei gruppi tematici in essi contenuti, rappresenta un ottimo conduttore per la diffusione dei contenuti, soprattutto nella fase iniziale del blog. Mentre svolgiamo questo tipo di attività, ricordiamoci sempre di non essere invadenti o “Off-topic” (fuori tema) nei gruppi di discussione, oppure otterremo un effetto contrario e dovremo concentrare molte delle nostre energie per “placare l’ira” della rete nei nostri confronti, invece di focalizzarle sul lavoro per il blog.

Blog aziendale e la diffusione dei contenuti

Blog aziendale e la diffusione dei contenuti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *