SEO copywriting: come scrivere i contenuti

SEO copywriting: alcuni suggerimenti per creare dei contenuti perfetti

Il segreto per scrivere dei contenuti SEO è trovare l’equilibrio tra la lettura da parte delle persone, e la “lettura” da parte degli spider dei motori di ricerca.

SEO copywriting - L'importanza delle keywords

SEO copywriting – L’importanza delle keywords

Spesso sentiamo parlare di keywords. Capiamo in dettaglio cosa sono e perché sono importanti.
Gli algoritmi che si celano dietro ai motori di ricerca lavorano basandosi sulle parole chiave (keywords) che gli utenti scrivono sugli appositi campi quando cercano qualcosa sul web.

Proprio per questo motivo, la prima azione da svolgere quando si fa un’attività di SEO copywriting è analizzare quale parola chiave (keyword) deve essere valorizzata dal testo.
Tale scelta è delicata e va fatta considerando diversi aspetti, tra i quali:

  • la frequenza di ricerca; una parola chiave può essere cercata più frequentemente di altre. Si tenderà, quindi, a scrivere dei contenuti ottimizzati per le parole cercate più frequentemente, incappando però nel “problema” della concorrenza.
  • La concorrenza della keyword è il numero di risultati visualizzati sulla SERP (Search Engine Result Page), ovvero la pagina dei risultati del motore di ricerca, cercando la parola chiave. Chiaramente, più è alta la frequenza di ricerca è più sarà elevata la concorrenza.
  • La coda (tail) – indica il numero di vocaboli che compongono la keyword. Una coda lunga (long tail – alto numero di vocaboli) si posizionerà più facilmente sui motori a causa della bassa concorrenza che ne deriva.

La selezione delle keywords dovrà essere effettuata trovando la giusta combinazione tra gli elementi appena descritti.

Un interessante tool che Google mette a disposizione per abbozzare una analisi è rappresentato dallo Strumento di pianificazione delle parole chiave (consultabile attraverso un account AdWords).

Come usiamo la keyword selezionata per il contenuto da scrivere?
In un contenuto SEO, la parola chiave deve essere presente:

  • Sull’URL (quindi sullo slug) della pagina. Un esempio: se la parola chiave fosse “contenuti seo“, l’url del contenuto che la valorizzerà potrebbe essere http://www.nomesito.it/come-scrivere-contenuti-seo/.
  • All’interno dei tag Heading: consiglio di utilizzare h1 o h2 (al massimo h3); questo dipende dal layout e dalla struttura della pagina. Tali tag devono essere presenti (almeno l’h1 o l’h2) per ottenere un testo SEO.
  • Più volte, se possibile, all’interno del testo e d'”obbligo” sul primo paragrafo.

Ma non solo.. aumentiamo il livello tecnico:

  • sul tag TITLE della sezione head della pagina. Ricordiamo anche che il titolo in questione dovrà essere composto da un numero di caratteri compreso tra 40 e 70 (tale limite è dato dalla lunghezza massima dello snippet di Google).
  • Sul meta tag DESCRIPTION. Ricordiamo che, per lo stesso motivo del “title“, il numero massimo di caratteri per questa componente dovrà essere di 156.
  • Sul testo alternativo delle immagini contenute nel testo (il tag ALT). Un testo SEO deve contenere almeno una  immagine a corredo del contenuto.

 

Altri dettagli per una attività perfetta di SEO copywriting 

  • Fare attenzione a non esagerare con la lunghezza dello slug: link troppo lunghi possono essere penalizzati dai motori di ricerca.
  • All’interno di un sito è meglio scrivere un solo contenuto per ogni parola chiave.
  • Se è possibile, è preferibile inserire dei link in uscita all’interno del contenuto.
  • Scrivere contenuti composti da almeno 300 parole.
  • Evidenziare le keywords in modo che siano ben visibili (ad esempio utilizzando il “grassetto” o il “corsivo“).
  • Creare CONTENUTI ORIGINALI: copiare i testi da altri siti web è un grave errore in ambito SEO perché i motori di ricerca penalizzano pesantemente questa azione.

 

Attenzione alle penalizzazioni: l’eccesso di zelo non piace ai motori di ricerca.
I contenuti che scriviamo devono essere SEO, ma è necessario non esagerare. I motori di ricerca, attraverso algoritmi complessissimi, riescono a capire se scriviamo con l’unico scopo di posizionare le nostre pagine in testa alla SERP o con l’obiettivo di fornire contenuti interessanti agli utenti.
Per non esagerare, teniamo sotto controllo la densità della parola chiave nel testo ed usiamo del sano buon senso 🙂
Per quanto riguarda la densità delle keywords in un testo, consiglio di non superare il 5% (su un testo di 100 parole meglio che la keyword non compaia più di 5 volte).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *