Mobile SEO: il tuo sito è al passo con i tempi?

Possiamo affermare che la Mobile SEO oggi è da considerare più importante rispetto alla SEO tradizionale? Direi di Sì, visto che il traffico web generato da smartphone e tablet sta superando quello da desktop.

 

Mobile SEO:  le origini ed i nostri giorni.

Mobile SEO: le origini ed i nostri giorni.

Il 2013 può essere identificato come l’anno di nascita dello sviluppo dei siti web mobile. Oggi, direi che abbiamo abbondantemente superato la pubertà, la conoscenza della materia è notevolmente superiore, molti standard si sono consolidati e possiamo contare su una documentazione più precisa, ampia ed accessibile.

Rispetto al 2014, possiamo già notare alcune evoluzioni, ma il “nocciolo” è rimasto pressoché invariato.. le novità possono essere  definite sfumature.

Quanti hanno realizzato siti web mobile ultimamente? Siamo sicuri di essere al passo con i tempi, soprattutto per quanto riguarda la SEO? Vediamolo insieme!

 

L’etichetta “mobile friendly” di Google

Mobile SEO: la label mobile friendly di Google

Mobile SEO: la label mobile friendly di Google

Ormai credo che tutti abbiano capito che il nostro caro Google promuove o declassa i risultati anche in base alla loro predisposizione ad essere consultati da dispositivi mobile.. ovvero in base a quanto sono “mobile friendly“.

A questo proposito, non so se avete notato che Google ha recentemente introdotto l’inserimento della voce “Mobile-friendly” (come si vede in figura) accanto ai risultati delle ricerche mobile, proprio per aiutare gli utenti a raggiungere i propri risultati mantenendo confortevole l’esperienza di navigazione.

We see these labels as a first step in helping mobile users to have a better mobile web experience. We are also experimenting with using the mobile-friendly criteria as a ranking signal.

– Google Webmaster Central Blog –

Per essere sicuri che il nostro sito si meriti “il distintivo“, possiamo utilizzare lo strumento “Test di compatibilità con dispositivi mobili” che Google ha messo a disposizione per avere un’analisi completa: basterà inserire un URL e dopo pochi secondi otterremo il “verdetto” ed un’anteprima della pagina su smartphone, insieme ad interessanti suggerimenti e spunti per migliorare.

Mobile SEO: strumento di Google per verificare se un sito web è Mobile Friendly

Mobile SEO: strumento di Google per verificare se un sito web è Mobile Friendly

Vorrei rimettere in evidenza il concetto più importante, perché avendo scritto molte informazioni, potrebbe essere risultato troppo “diluito“: l’aspetto “mobile friendly” sta diventando influente nel calcolo del ranking!

Concludo il punto con il link della documentazione di Google relativa alla “SEO per dispositivi mobili“: buona lettura, e buoni test.

 

Le tendenze nel web design

Per quanto riguarda il mobile web design, direi che non è accaduto nulla di così sconvolgente che un anno e mezzo fa non si conoscesse. Tuttavia, come si diceva inizialmente, si sono consolidate le procedure e gli standard.

 

Le aziende preferiscono siti web responsive e dinamici
Mobile SEO: responsive design

Mobile SEO: responsive design

Nel 2013, molte aziende possedevano la versione mobile del sito in una soluzione parallela rispetto a quello ufficiale, e spesso composta da contenuti “statici“; solo in pochi si avventuravano nel poco conosciuto universo del “responsive design“.
Oggi lo scenario è esattamente contrario: anche le piccole aziende richiedono siti web responsive e dinamici. Attualmente, inoltre, si è andati oltre al responsive, grazie all’implementazione del “Dynamic Serving“.

Direi che tutto ciò ha un senso. Il “vantaggio” apparente di avere siti separati (desktop e mobile) è quello che si possono creare contenuti su pagine diverse, ma se si desidera sfruttare i vantaggi dei link inbound verso il sito desktop è più conveniente far combaciare le pagine delle due versioni aventi lo stesso contenuto. Capiamo immediatamente, quinti, che la soluzione dei siti separati è controproducente in termini di duplicazione dei contenuti!

Una piccola parentesi sulla scelta tra responsive design e dynamic serving: entrambe sono soluzioni all’avanguardia e corrette dal punto di vista del trend di sviluppo, e l’utilizzo dell’una o dell’altra dipende, in primis, dall’investimento iniziale sul sito web.
La miglior regola per la scegliere correttamente, comunque, è tenere al primo posto l’esperienza degli utenti.

La maggior parte dei siti mobile utilizza simboli comuni per la navigazione

Quando iniziarono a diffonderti i primi siti mobile, siamo stati testimoni di diversi metodi di creazione del menù di navigazione: menù a discesa in testata, link elencati nel footer o nell’header delle pagine, ecc..

Con il passare del tempo, a partire dalle grandi realtà, iniziò a diffondersi un un simbolo particolare per identificare il menù del sito web, caratterizzato da tre linee orizzontali una sotto l’altra (lo vediamo in figura, o visualizzando questo sito da smartphone o tablet).

Mobile SEO: i simboli che permettono la navigazione sono ormai uno standard

Mobile SEO: i simboli che permettono la navigazione sono ormai uno standard

Oggi, tale simbolo è uno standard. La maggior parte delle testate dei siti web mobile, infatti, è caratterizzata da tre elementi (evidenziati dalla frecce in figura): un riferimento alla homepage, il simbolo della lente d’ingrandimento per la ricerca interna, e l’icona che identifica il menù.

Il mio consiglio è quello di rispettare lo “schema” appena individuato, proprio perché gli utenti si aspettano di trovarlo. E’ un po’ come salire in un’automobile a noleggio: volante, leva del cambio e pedali ce li aspettiamo proprio lì, al loro posto.

 

Google sta rendendo le sue risorse più “user friendly

Di certo non è direttamente legato alla mobile SEO, ma è apprezzabile lo sforzo che Google sta facendo relativamente al design dell’area “Developers“. Il fatto, però, che i cervelloni di Mountain View abbiano creato due mini siti dedicati allo sviluppo in ambito mobile la dice lunga sull’importanza dell’argomento per big G!

Mobile SEO: i mini siti di Google per gli sviluppatori

Mobile SEO: i mini siti di Google per gli sviluppatori

Quello che prima era un sito web basato unicamente sul codice di sviluppo, ora è diventato un portale gradevole e semplice da utilizzare da chiunque si avvicini all’argomento.

La piattaforma Think with Google

La piattaforma Think with Google

Perfetto! Ci siamo! Non resta che convincere il capo che il sito mobile è fattibile.

Google sta, inoltre, investendo molte risorse con il sistema Think with Google, grazie al quale rende disponibili le migliori ricerche di business relative alle interazioni degli utenti con la ricerca, attraverso diverse piattaforme.

 

…insomma, le cose sono cambiate! E continueranno a farlo.

Grazie alla quantità di informazioni facilmente reperibili nel web, direi che oggi la vita degli sviluppatori web è più semplice rispetto a qualche anno fa, ma l’ambiente in costante evoluzione può rendere difficile mantenere aggiornato un sito web mobile online.

Mobile SEO: l'evoluzione della tecnologia di navigazione mobile

Mobile SEO: l’evoluzione della tecnologia di navigazione mobile.. è difficile stare al passo!

Utilizziamo gli strumenti di Google per controllare costantemente se i siti web che gestiamo sono “amici della ricerca di Big G“… e non dimentichiamo che la mobile SEO è il futuro del posizionamento naturale, viste le considerazioni iniziali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *