Link popularity: tutte le strade portano a…

Il link building è l’attività off-site per eccellenza per aumentare la link popularity

Nella città del web i link sono le strade che conducono da un quartiere all’altro

Link popularity - posizionamento

Link popularity – posizionamento

L’ottimizzazione delle pagine web per i motori di ricerca (SEO) e tutte le attività che si possono svolgere on-site sono fondamentali ma non sufficienti se si vogliono ottenere dei risultati importanti nel posizionamento.

Per “completare il lavoro” ci dobbiamo occupare delle attività off-site, ovvero del link building. Tale operazione è utile per aumentare la link populrity.

Di cosa si tratta?
Premetto che l’operazione in questione è tra le più complesse nel ventaglio delle “cose da fare“.
La link popularity, infatti, riguarda i siti web che, tra le loro pagine, linkano il nostro, determinando la nostra “popolarità” nel web.


Perché è importante
?

E’ importante perché i motori di ricerca “ragionano” in questo modo: se molte fonti citano un sito web, significa che tale sito è degno di maggiori attenzioni.
Chiaramente, più autorevoli sono le referenze, e più importanza verrà data loro.
Se, ad esempio, tra le pagine di Wikiperdia ci fossero dei link verso il nostro sito, i motori di ricerca lo premierebbero notevolmente, vista l’autorevolezza della referenza.

Tuttavia, non è sufficiente che il link punti al nostro sito.. i motori di ricerca considerano anche due ulteriori elementi:

  • la pertinenza della tematica trattata dal sito di provenienza del link rispetto a quella del sito di destinazione.
  • L’anchor text del link (il testo che compone il link), che deve essere pertinente alla destinazione.

Come dico sempre:

I motori di ricerca sono sempre più selettivi, e lo saranno sempre di più, vista la vastità di contenuti da catalogare.

Attraverso la link popularity, Google calcola il famoso “page rank” (direttamente proporzionale alla link popularity), il quale, sebbene in misura inferiore rispetto al passato, viene ancora considerato per il posizionamento.

 

Scambio link

Spesso sentiamo parlare ancora di “scambio link” tra siti web (molto in voga soprattutto tra i blogger). Tale operazione consiste in un presunto scambio di favori tra due siti: ognuno linka l’altro sito dal proprio.
Sinceramente io lo sconsiglio categoricamente perché i motori di ricerca tengono conto di questo “giochetto” di “link network” e tendono a penalizzarlo (giustamente).

Guest post

I guest post sono degli articoli (post) inseriti su dei siti esterni (meglio se aventi la medesima tematica) che contengono almeno un link verso il nostro sito. Solitamente i blogger sono felici di accettare dei guest post, in quanto rappresentano una fonte di contenuti originali. Ritengo questa soluzione ancora valida per aumentare la link popularity, ma solo se fatta senza esagerare e valutando bene i post da pubblicare ed i blog dove ospitarli.
A sostegno di questa tesi: vi siete mai chiesti il motivo per il quale si sono sviluppate delle nuove figure professionali del tipo “fashion blogger” o “food blogger“?

Nota sul guest posting di Matt Cutts

Il 20 gennaio 2014  Matt Cutts, responsabile del “webspam team” di Google, ha pubblicato un post dal titolo The decay and fall of guest blogging for SEO sul suo blog parla del guest posting, o più precisamente del “guest blogging“.

In general I wouldn’t recommend accepting a guest blog post unless you are willing to vouch for someone personally or know them well. Likewise, I wouldn’t recommend relying on guest posting, guest blogging sites, or guest blogging SEO as a linkbuilding strategy.

Cutts, fondamentalmente, sottolinea l’importanza, per i blogger, di non accettare guest post da autori non “affidabili” e di non creare strategie SEO completamente basate su questa pratica.

I link esterni, per essere “a norma di Google“, devono rispettare una semplice regola. Se la risposta alla seguente domanda è SI, la pagina web in questione non rischia penalizzazioni, mentre se è NO per troppo spesso, c’è qualcosa da rivedere:

i link sarebbero presenti sulla pagina web senza una azione esterna (ovvero in maniera naturale)?

 

Distinguersi e far parlare di sé

Il fatto di distinguersi nella comunità del web e far parlare di sé è il miglior modi di aumentare la propria link popularity. In questo caso, infatti, i link al proprio sito sono assolutamente naturali, ovvero come le direttive dei motori di ricerca vorrebbero. Un esempio? Semplicissimo, è in questa pagina! Qualche riga sopra, infatti, ho linkato l’articolo sul blog di Matt Cutts per indicare il post di riferimento per il concetto che stavo esprimendo.

 

 

Sul Web dovremmo essere in grado non solo di trovare ogni tipo di documento, ma anche di crearne, e facilmente. Non solo di seguire i link, ma di crearli, tra ogni genere di media. Non solo di interagire con gli altri, ma di creare con gli altri. L’intercreatività vuol dire fare insieme cose o risolvere insieme problemi. Se l’interattività non significa soltanto stare seduti passivamente davanti a uno schermo, allora l’intercreatività non significa solo starsene seduti di fronte a qualcosa di interattivo.

Tim Berners-Lee

 


Riepilogo

Link popularity: l'attività off-site per eccellenza. La popolarità di un sito web è importante per il suo posizionamento sui motori di ricerca.
Dopo aver ottimizzato il sito web per i motori di ricerca (SEO on-site), è importante eseguire una attività off-site per ottenere una elevata Link Popularity.
5 / 5 stars

 

Loading Facebook Comments ...